fabulinis.com

Menu

Alice nel Paese delle Meraviglie 🐇🕓🎩🐱🧡

CAPITOLO 2 – La pozza delle lacrime

🖌 Disegno da colorare 🎨

Alla fine del racconto troverai anche il disegno da colorare di Alice nel Paese delle Meraviglie!

pubblicità

CAPITOLO 2 – La pozza delle lacrime


Adesso Alice si stava allungando come il più grande telescopio che sia mai esistito!

La sua testa colpì il soffitto della sala, ora era alta più di tre metri. Alice prese la piccola chiave d’oro sul tavolino e corse verso la porta del giardino.

Ma povera Alice! Tutto quello che poteva fare, sdraiandosi su un lato, era guardare il giardino con un occhio solo, grande com’era le era impossibile passare.
Quindi si sedette e ricominciò a piangere.

Continuò a versare litri e litri di lacrime, finché non si formò una grande pozza tutt’intorno a lei che arrivava fino a metà del corridoio.

Ad un certo punto udì un leggero scalpiccio di piedi in lontananza e si asciugò in fretta gli occhi per vedere cosa stava succedendo. Era il Bianconiglio che tornava indietro e borbottava tra sé:
– Oh! la Duchessa, la Duchessa! Si arrabbierà se la faccio aspettare!

Quando il Bianconiglio le si avvicinò, Alice cercò di parlargli:
– Per favore, signor coniglio…
Ma il Bianconiglio sussultò, la guardò e corse via nell’oscurità più veloce che poteva. Nel correre via però gli caddero di mano un guanto bianco ed un ventaglio.

Alice lo guardò allontanarsi mentre iniziava a sventolarsi col ventaglio caduto al Bianconiglio – Com’è tutto strano oggi! Ieri la solita noia, oggi invece… Ma la vera domanda è: dove diavolo sono…?!

Mentre diceva queste parole si rese conto che si stava rimpicciolendo di nuovo, ora era alta circa mezzo metro e continuava a rimpicciolirsi rapidamente.

👧
👧
👧
👧
👧

Scoprì presto che la causa era il ventaglio del Bianconiglio e lo lasciò cadere subito subito a terra, giusto in tempo per evitare di rimpicciolirsi del tutto.

– Per un pelo! – disse Alice piuttosto spaventata – ora però posso passare attraverso la porticina e raggiungere il giardino!

Corse verso la porticina, ma la porticina era di nuovo chiusa e la piccola chiave d’oro era posata come prima sul tavolo di vetro!
– Non poteva andarmi peggio…! – pensò Alice

E mentre diceva queste parole scivolò e splash! Si ritrovò immersa fino al collo nell’acqua salata.
All’inizio pensò di essere caduta in mare, poi si rese conto di essere dentro alla pozza di lacrime che aveva pianto quando era alta tre metri.

pubblicità

Poco distante sentì qualcosa che sguazzava nella pozza, era un Topo che era finito dentro l’acqua come lei.

– Scusi signor Topo, conosce il modo per uscire da questa pozza? Sono molto stanca di nuotare…
Il Topo la guardò con una certa curiosità, ma non disse nulla.

“Forse non capisce la mia lingua” pensò Alice, “Magari conosce il francese…” e disse:
– Où est ma chatte? – che era la prima frase che le venne in mente.

Il Topo fece un salto improvviso fuori dall’acqua e sembrò tremare tutto per la paura.
– Oh, chiedo scusa! – esclamò in fretta Alice – Avevo dimenticato che ai topi non piacciono i gatti!

– Se tu fossi in me, ti piacerebbero i gatti?! – gridò il Topo con voce acuta.
– Beh, forse no… però se tu conoscessi la mia gatta Dinah penso che cambieresti idea, è una gattina così cara e tranquilla.
Il Topo aveva una faccia molto offesa.

Alice, che aveva fretta di cambiare argomento, disse
– Ti piacciono i… cani? C’è un cagnolino così carino vicino a casa nostra, vorrei mostrartelo! Da’ la caccia a tutti i topi e… oh, cielo! – esclamò Alice in tono addolorato. – Temo di averlo offeso di nuovo!
Infatti il Topo stava nuotando via da lei più veloce che poteva.

Allora lei gli gridò sottovoce:
– Topo caro! Torna ti prego, e non parleremo né di gatti né di cani se non ti piacciono!
Quando il Topo sentì quelle parole, si voltò e nuotò lentamente verso di lei. Aveva il viso pallido e disse con voce bassa e tremante:
– Andiamo a riva e poi ti racconterò la mia storia e capirai perché odio cani e gatti.

Nel frattempo la pozza d’acqua si stava riempiendo di uccelli e animali, anche loro caduti dentro chissà come… c’erano un’Anatra e un Dodo, un Opossum, un Aquilotto e molte altre creature curiose.
Alice fece strada e l’intero gruppo la seguì fino alla riva.

… continua nel CAPITOLO 3: La corsa elettorale.

pubblicità

Note ad Alice nel Paese delle Meraviglie

Alice nel Paese delle Meraviglie è un racconto veramente famoso, forse uno dei più famosi racconti per bambini.

Ne hanno fatto film, cartoni animati ed adattamenti teatrali.

Alice nel Paese delle Meraviglie è anche un racconto molto particolare dal punto di vista dello svolgimento, pieno di situazioni surreali e senza senso (il cui motivo fondamentalmente viene svelato nel finale) e anche soprattutto per i dialoghi tra i personaggi, non sempre semplici o immediatamente comprensibili.

Una delle più grandi sfide infatti, per chi vuole tradurre Alice nel Paese delle meraviglie, è cercare di ricondurre ad un senso molti dei “giochi di parole” e “nonsense” usati da Lewis Carroll, che ben si prestano ad essere usati nella lingua inglese, ma che subiscono un forte “lost in traslation” e perdita totale di significato quando si cerca di adattarli in altre lingue.

E’ per questo motivo che nel nostro adattamento troverete solo una delle tante filastrocche e parti in rima presenti nel testo originale. La storia rimane comunque completamente comprensibile e godibile anche senza quelle parti.

In questa versione sono stati volutamente tralasciati due capitoli (quelli sulla tartaruga ed il grifone) per rendere la storia più scorrevole e non troppo lunga. Nonostante la mancanza di questi due capitoli, la storia non perde la sua magia ed il magnifico significato.

Speriamo che questa nostra versione vi piaccia quanto è piaciuta a noi riscriverla!

P.S. Alice è esistita veramente e si chiamava Alice Liddel, figlia di amici di famiglia di Lewis Carroll

😊

pubblicità

🖌 scarica il disegno da colorare di Alice nel Paese delle Meraviglie! 🎨

Clicca sull’immagine per scaricare il PDF pronto da stampare e colorare!

scarica il disegno da colorare di Alice nel Paese delle Meraviglie

pubblicità

Continua il tuo viaggio tra le pagine di fabulinis 💓

qui sotto te ne suggeriamo alcune che sicuramente ti piaceranno! ❤


Chi siamo

Silvia - fabulinis.com

Ciao sono Silvia, sono una Musicista e Musicoterapeuta, realizzo laboratori di musicalità per i più piccini da 0 a 6 anni, utilizzando il gioco come mezzo per migliorare e rendere più sereno il rapporto tra genitori e figli. Mentre nel tempo libero mi diverto a leggere e raccontar fiabe ai bambini. 😊

William - fabulinis.com

Ciao sono William, sono Designer e facilitatore certificato LEGO® Serious Play®, faccio progetti, e tante volte anche molti castelli in aria... Nel tempo libero mi diverto a scrivere le fiabe che trovate qui su fabulinis così poi Silvia ha qualcosa da leggere 😉

Se vuoi contattarci per qualsiasi motivo, scrivi una mail a: info@fabulinis.com


Nella newsletter ci sono le mini fiabe educative 👩‍🏫 (che non trovi sul sito), gli spunti di fantasia 🌈, i rilassamenti per la nanna dei bimbi 😴 e idee da condividere 💡.

Iscrivendoti riceverai in regalo 🎁 un rilassamento guidato per la nanna 🌙 letto da Silvia!

Se vuoi più informazioni sulla nostra newsletter, vai alla pagina dedicata

Facciamo Amicizia sui Social 🤗

Su youtube troverai le nostre divertenti "Storie al volo", una serie di racconti inventati di sana pianta estraendo da una scatola tre diversi personaggi, buffi e bizzarri.
Siamo sicuri che anche tu troverai spunto per inventare delle divertenti e simpatiche storie da raccontare ai tuoi bambini!

Iscriviti al canale! (link)

iscriviti al canale youtube di fabulinis

Su instagram condividiamo immagini, frasi e pensieri che fanno riflettere, non le troverai qui sul sito, e ci piacerebbe sapere cosa ne pensi 😊 per mettere "mi piace" segui questo link!

segui fabulinis anche su instagram

Se invece vuoi rimanere in contatto con noi e con le nostre iniziative, metti un like 👍 sulla pagina ufficiale di facebook

metti like alla pagina facebook di fabulinis!
Navigando su fabulinis sei arrivato qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *