Alice nel Paese delle Meraviglie 🐇🕓🎩🐱🧡

CAPITOLO 6 – Maiale e pepe

🖌 Disegno da colorare 🎨

Alla fine del racconto troverai anche il disegno da colorare di Alice nel Paese delle Meraviglie!

pubblicità

CAPITOLO 6 – Maiale e pepe.


Alice rimase nascosta a guardare la casetta quando improvvisamente un valletto in livrea con la faccia da pesce uscì di corsa dal bosco e bussò forte alla porta. Fu aperto da un altro valletto in livrea, con la faccia tonda da rana

Alice era molto curiosa e si mise ad ascoltare.
Il Valletto-Pesce estrasse una grande lettera e la porse all’altro, dicendo in tono solenne:
– Per la Duchessa. Un invito della Regina per giocare a croquet.
Il Valletto-Rana ripeté, con lo stesso tono solenne:
– Dalla Regina. Un invito per la Duchessa a giocare a croquet.
Poi entrambi si inchinarono profondamente.

Il Valletto-Rana si sedette per terra vicino alla porta, fissando stupidamente il cielo.
Alice si avvicinò timidamente, nella casa c’era un rumore incredibile, un continuo ululare e starnutire, e ogni tanto un grande schianto, come se un piatto o una teiera fossero stati fatti a pezzi.

– Posso entrare? – chiese Alice al Valletto-Rana.
– Forse avrebbe senso bussare – disse il Valletto-Rana contemplando il cielo senza guardarla.

In quel preciso momento la porta di casa si aprì, e un grosso piatto volò nell’aria sfiorando la testa del Valletto-Rana ma lui non si mosse, come se nulla fosse successo.

– Ma posso entrare?! – chiese di nuovo Alice a voce più alta.
– Ma devi proprio entrare? – disse il valletto.
“È davvero incredibile” mormorò tra sé Alice, “il modo in cui hanno da discutere su tutto in questo posto. Mi sembra di impazzire!

– Quindi cosa devo fare?! – chiese Alice.
– Tutto quello che vuoi – rispose il Valletto-Rana, e cominciò a fischiettare.

– Oh, è inutile parlare con questo qui – disse Alice disperata, così aprì la porta ed entrò.

Alice si ritrovò in una grande cucina piena di fumo, la Duchessa era seduta al centro mentre allattava un bambino, la cuoca invece era china sul fuoco e mescolava la zuppa.

– C’è sicuramente troppo pepe in quella zuppa! – si disse Alice, mentre iniziava a starnutire.
Anche la Duchessa starnutiva e il bambino starnutiva e urlava. Gli unici che non starnutivano erano la cuoca e un grosso gatto sdraiato vicino al fuoco che sorrideva da un orecchio all’altro.

– Che strano gatto – disse Alice – come fa a sorridere in quel modo?
– È uno Stregatto del Cheshire – disse la Duchessa, – ed è fatto così. Maiale!

Disse l’ultima parola con una violenza così improvvisa che Alice sussultò, ma poi capì che era indirizzata al bambino, e non a lei, allora si fece coraggio, e continuò:

– Non sapevo che gli Stregatti del Cheshire sorridessero, in realtà non sapevo che i gatti potessero sorridere.
– Tutti possono – disse la Duchessa.

– Non conosco nessun gatto che lo faccia – disse Alice molto educatamente, sentendosi piuttosto contenta di aver iniziato una conversazione.
– Non conosci molto – rispose seccata la Duchessa.
Alice pensò che sarebbe stato meglio cambiare argomento.

In quel momento la cuoca tolse dal fuoco il paiolo della zuppa e si mise a lanciare contro la Duchessa e il bambino tutto quello che aveva a portata di mano: ferri da stiro, pentole, piatti e stoviglie.
La Duchessa non reagì per nulla quando venne colpita, mentre il bambino ululava già così tanto che era impossibile dire se i colpi gli facessero male oppure no.

– Ma cosa stai facendo!? – gridò Alice rivolta alla cuoca.
– Se ognuno si facesse gli affari propri – disse la Duchessa con un ringhio rauco – il mondo girerebbe meglio e più velocemente di quanto già non fa.

– Il che non sarebbe un vantaggio, visto che la terra impiega ventiquattr’ore per girare sul suo asse e…
Alice non fece in tempo a finire la frase che la Duchessa immediatamente replicò:
– A proposito di asce, tagliale la testa!

pubblicità

Alice lanciò un’occhiata piuttosto ansiosa alla cuoca, per vedere se intendeva obbedire al comando; ma la cuoca era tutta intenta a mescolare la zuppa, e non sembrava dare ascolto alla Duchessa, così continuò – Ventiquattr’ore, credo, o sono dodici? Io…

– Basta! Non ho mai potuto sopportare le cifre! – disse la Duchessa e ricominciò ad allattare il suo bambino, cantandogli una specie di ninna nanna molto rude. Poi si rivolse ad Alice.
– Ecco! Puoi dargli il biberon, se vuoi! – disse la Duchessa lanciando il bambino ad Alice – devo andare a prepararmi per giocare la partita di croquet con la Regina – e corse fuori dalla stanza.
La cuoca le lanciò dietro una padella ma la mancò di poco.

Alice afferrò il bambino con una certa difficoltà, non appena ebbe capito il modo corretto di dargli il biberon, lo portò fuori all’aria aperta.

Il bambino grugnì, e Alice lo guardò in faccia per vedere cosa avesse. Non c’era dubbio che avesse un naso molto all’insù, molto più simile ad un grugno di maiale che ad un nasino di bambino. Anche i suoi occhi stavano diventando estremamente piccoli.

Alice stava appena iniziando a pensare tra sé: “Ora, cosa devo fare con questa creatura?

Il bambino grugnì di nuovo e così violentemente che questa volta non potevano esserci dubbi: era diventato un maialino.

Alice posò giù la piccola creatura e si sentì piuttosto sollevata nel vederla trotterellare silenziosamente nel bosco, ma fu più sorpresa nel vedere lo Stregatto seduto sul ramo di un albero vicino a lei.

– Signor Stregatto, potrebbe per cortesia indicarmi la strada dove proseguire? – cominciò timidamente Alice.
– Dipende molto da dove vuoi arrivare – disse lo Stregatto
– Non mi interessa molto dove… – rispose Alice.
– Allora non importa da che parte vai – continuò lo Stregatto.
– … basta che io arrivi da qualche parte.. – aggiunse Alice come spiegazione.
– Oh, lo farai sicuramente, se solo cammini abbastanza a lungo – concluse lo Stregatto.

Alice provò allora con un’altra domanda – Cosa trovo qui vicino?
– Da quella parte… – disse lo Stregatto indicando con la zampa destra – …vive un Cappellaio, e da quella parte… – agitando l’altra zampa – …abita una Lepre Marzolina. Vai dove vuoi, tanto sono matti tutti e due.

– Ma non voglio andare dai matti – osservò Alice.
– Oh, non puoi farci niente – disse lo Stregatto – qui siamo tutti matti. Io sono matto, anche tu sei matta.

– Come fai a sapere che sono matta? – chiese Alice.
– Devi esserlo, altrimenti non saresti qui. Giochi a croquet con la regina oggi?
– Mi piacerebbe moltissimo, ma non sono stata invitata – disse Alice.
– Mi vedrai lì – disse lo Stregatto, e poi scomparve nel nulla.

Alice non ne fu molto sorpresa, iniziava ad abituarsi alle cose strane che accadevano in quel posto.
All’improvviso lo Stregatto ricomparve.

– A proposito, che ne è stato del bambino? Mi ero quasi dimenticato di chiedertelo.
– Si è trasformato in un maiale – disse tranquillamente Alice.
– Lo immaginavo – disse lo Stregatto, e scomparve di nuovo svanendo molto lentamente, cominciando dall’estremità della coda e finendo con il sorriso, che rimase come un alone nell’aria per qualche tempo dopo che il resto se n’era svanito.

“Bene! Ho visto spesso un gatto senza sorriso”, pensò Alice, “ma un sorriso senza gatto è la cosa più curiosa che abbia mai visto in tutta la mia vita.”

Non aveva fatto molta strada quando giunse alla casa della Lepre Marzolina, che era un po’ più grande. Sgranocchiò quindi un pezzetto di fungo fino a diventare circa mezzo metro di altezza.

Alice si avvicinò timidamente pensando “Mi sa che forse era meglio andare a trovare il Cappellaio!”

… continua nel CAPITOLO 7: Un pazzo party col tè.

pubblicità

Note ad Alice nel Paese delle Meraviglie

Alice nel Paese delle Meraviglie è un racconto veramente famoso, forse uno dei più famosi racconti per bambini.

Ne hanno fatto film, cartoni animati ed adattamenti teatrali.

Alice nel Paese delle Meraviglie è anche un racconto molto particolare dal punto di vista dello svolgimento, pieno di situazioni surreali e senza senso (il cui motivo fondamentalmente viene svelato nel finale) e anche soprattutto per i dialoghi tra i personaggi, non sempre semplici o immediatamente comprensibili.

Una delle più grandi sfide infatti, per chi vuole tradurre Alice nel Paese delle meraviglie, è cercare di ricondurre ad un senso molti dei “giochi di parole” e “nonsense” usati da Lewis Carroll, che ben si prestano ad essere usati nella lingua inglese, ma che subiscono un forte “lost in traslation” e perdita totale di significato quando si cerca di adattarli in altre lingue.

E’ per questo motivo che nel nostro adattamento troverete solo una delle tante filastrocche e parti in rima presenti nel testo originale. La storia rimane comunque completamente comprensibile e godibile anche senza quelle parti.

In questa versione sono stati volutamente tralasciati due capitoli (quelli sulla tartaruga ed il grifone) per rendere la storia più scorrevole e non troppo lunga. Nonostante la mancanza di questi due capitoli, la storia non perde la sua magia ed il magnifico significato.

Speriamo che questa nostra versione vi piaccia quanto è piaciuta a noi riscriverla!

P.S. Alice è esistita veramente e si chiamava Alice Liddel, figlia di amici di famiglia di Lewis Carroll

😊

pubblicità

🖌 scarica il disegno da colorare di Alice nel Paese delle Meraviglie! 🎨

Clicca sull’immagine per scaricare il PDF pronto da stampare e colorare!

scarica il disegno da colorare di Alice nel Paese delle Meraviglie

pubblicità

Continua il tuo viaggio tra le pagine di fabulinis 💓

qui sotto te ne suggeriamo alcune che sicuramente ti piaceranno! ❤


Chi siamo

Silvia - fabulinis.com

Ciao sono Silvia, sono una Musicista e Musicoterapeuta, realizzo laboratori di musicalità per i più piccini da 0 a 6 anni, utilizzando il gioco come mezzo per migliorare e rendere più sereno il rapporto tra genitori e figli. Mentre nel tempo libero mi diverto a leggere e raccontar fiabe ai bambini. 😊

William - fabulinis.com

Ciao sono William, sono Designer e facilitatore certificato LEGO® Serious Play®, faccio progetti, e tante volte anche molti castelli in aria... Nel tempo libero mi diverto a scrivere le fiabe che trovate qui su fabulinis così poi Silvia ha qualcosa da leggere 😉

Se vuoi contattarci per qualsiasi motivo, scrivi una mail a: info@fabulinis.com


Nella newsletter troverai i nostri spunti di fantasia 🌈 con in più dei suggerimenti operativi per divertirsi insieme ai bimbi.

Iscrivendoti riceverai in regalo 🎁 un rilassamento guidato per la nanna 🌙 letto da Silvia!

Se vuoi più informazioni sulla nostra newsletter, vai alla pagina dedicata

Facciamo Amicizia sui Social 🤗

Su youtube troverai le nostre divertenti "Storie al volo", una serie di racconti inventati di sana pianta estraendo da una scatola tre diversi personaggi, buffi e bizzarri.
Siamo sicuri che anche tu troverai spunto per inventare delle divertenti e simpatiche storie da raccontare ai tuoi bambini!

Iscriviti al canale! (link)

iscriviti al canale youtube di fabulinis

Su instagram condividiamo immagini, frasi e pensieri che fanno riflettere, non le troverai qui sul sito, e ci piacerebbe sapere cosa ne pensi 😊 per mettere "mi piace" segui questo link!

segui fabulinis anche su instagram

Se invece vuoi rimanere in contatto con noi e con le nostre iniziative, metti un like 👍 sulla pagina ufficiale di facebook

metti like alla pagina facebook di fabulinis!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *