EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

fabulinis

Menu

La piccola ladra di stelle 🌟

cover della fiaba "la piccola ladra di stelle"

Per vincere la paura del buio, una stella magica può aiutare.

La paura del buio è uno dei grandi problemi che hanno i bimbi piccoli, ma con un po’ di magia e una buona stella, Amelia riuscirà a superarla e dormire serena.

E se il tuo bimbo si accoccola tra le tue braccia e ti chiede di raccontargli una favola, prova a farlo con un bel libro di fiabe per bambini, su Amazon ne abbiamo trovati alcuni che sicuramente ti piaceranno 😉

La piccola ladra di stelle 🌟


La piccola Amelia era terrorizzata dal buio, una paura così non si
era mai vista.
I suoi genitori non avevano più idee per tranquillizzarla.
Si erano inventati di tutto, dal tenere le luci accese a stare accanto a lei tutta la notte, ma erano più le notti insonni per tutti e tre che quelle di sonno, pertanto i genitori decisero a malincuore che tutto avrebbe dovuto tornare alla normalità:
LUCE SPENTA E OGNUNO NELLA SUA STANZA.

Fu una decisione dura per tutti, poiché la mamma e il papà sapevano che Amelia aveva davvero molta paura ma l’unica alternativa possibile fu quella, papà diceva: “crescerai Amelia, il tempo ti aiuterà a superare le tue paure, ne sono certo”. La mamma era d’accordo e Amelia, che era una bambina molto obbediente, con il cuore in gola e con un filino di voce rispose:” sicuramente sarà come dici tu papà”.

Le notti passavano e passavano, sempre insonni e ricche di terrore, poi si sa, nel buio tutto prende un aspetto diverso in base alla nostra fantasia. Amelia vedeva di tutto, dal mostro tentacoloso al posto dell’attaccapanni, ai rumori peggiori che nessuno vorrebbe mai udire.
Una notte, stanca di stare a letto con la sua paura, decise di alzarsi e sedersi sul divanetto sotto la finestra e guardando il cielo disse:” come vorrei essere una stella, loro non hanno paura del buio, anzi brillano in esso e io vorrei luccicare come loro”.

Ancora con gli occhi sognanti, Amelia sentì bussare alla finestra, toc toc… alzando lo sguardo la bambina rimase stupita:” una stella sta bussando alla mia finestra?”. Senza pensarci troppo, nonostante lo shock, la bimba aprì la finestra e fece entrare la stella, che subito si posò sul cuscino di Amelia.

La piccola si sdraiò accanto a lei e con il bagliore e la sicurezza che emanava, dormì beata tutta la notte.
Al mattino sul cuscino non trovò più la stella ma un piccolo lazo, tanto fine che era quasi invisibile ma anche brillante come un mare di glitter argentati.
Amelia si domandò a cosa le sarebbe servito un lazo così piccolo, ma non aveva modo di provarlo né di fare altro, perché era ora di andare a scuola.

Nel tragitto, i genitori videro la bambina riposata e serena e fieri di loro si inviarono uno sguardo soddisfatto di chi pensa d’aver fatto una buona cosa. Ovviamente la realtà era un’altra ma Amelia si guardava bene dal dirla in giro…
La notte seguente la bambina tornò a guardar fuori ma non vide nessuna stella far capolino alla sua finestra. Amelia le chiamava e le pregava ma non succedeva nulla, pensò allora che probabilmente quella della sera prima, fosse solo una sua profonda fantasia. A causa dell’agitazione però, aveva dimenticato il lazo luccicoso, che iniziò a brillare a intermittenza per farsi vedere dalla piccola.

“Avevo dimenticato il lazo, allora ho ancora speranza di riavere la stella con me questa notte!” disse emozionata ad alta voce.
Provò a lanciare il lazo come un cowboy verso il cielo e magicamente si allungò talmente tanto da raggiungere il manto luminoso della notte e acchiappare la stella più vicina. La bambina iniziò a tirare verso di lei e la stellina pian piano si avvicinò così tanto da poterla cogliere e appoggiarla sul cuscino.

Come per incanto il lazo tornò minuscolo e la stella fece compagnia per tutta la notte alla bambina con la sua magica luce.
Ogni sera un sorriso le affiorava in viso, perché sapeva che avrebbe avuto un’amica luminosa a farle compagnia. Di notte in notte la magia la rassicurava e in questo modo la paura del buio le passò del tutto.

Con sua grande sorpresa una sera, il lazo smise di allungarsi fino al cielo. La delusione durò pochissimo perché subito una vocina dentro di lei disse: “decisamente ora sei pronta per dormire tranquilla, senza paura”.

Passarono gli anni e la bambina, ormai donna, continuò a conservare il lazo come un tesoro, ricordandosi di quanta paura possono avere i bimbi del buio. Lo custodì con cura, cosicché anche altri bambini avrebbero potuto usarlo per avere la loro stellina della notte e così fu.

Amelia consegnò il lazo a sua figlia e sua figlia lo consegnò a suo figlio e così, da generazioni, il lazo continua a passare di madre in figlio e di padre in figlia e chissà… magari una stella farà capolino anche alla nostra finestra una notte o l’altra.

“Ogni notte, fino a quando non fu abbastanza grande da non avere più paura, Amelia si trasformava in una ladra di stelle.”

— Fine della fiaba —
fabulinis ringrazia Federica Bertone per aver condiviso con tutti noi questo racconto. Federica ha scritto anche una serie di fiabe con protagonista il topolino Sam, le trovate in vendita su Amazon al link qui sotto:


Se sei arrivato fin qui vuol dire che quel che facciamo su fabulinis ti piace! 😍
Condividi questa pagina, così anche i tuoi amici potranno avere sempre un mondo di fantasia a portata di mano!

Ti basta premere il pulsantone condividi al centro dello schermo! 😉


Su Amazon abbiamo poi trovato questi altri prodotti molto carini:

Se inizi i tuoi acquisti su Amazon partendo dai link presenti sul sito, ci aiuterai a mantenere fabulinis.com sempre libero, gratis e pieno di nuovi contenuti! Grazie! 🤗💗

Chi siamo

Silvia - fabulinis.com

Ciao sono Silvia, sono una Musicista e Musicoterapeuta, realizzo laboratori di musicalità per i più piccini da 0 a 6 anni, utilizzando il gioco come mezzo per migliorare e rendere più sereno il rapporto tra genitori e figli. Mentre nel tempo libero mi diverto a leggere e raccontar fiabe ai bambini. 😊

William - fabulinis.com

Ciao sono William, sono Designer e facilitatore certificato LEGO® Serious Play®, faccio progetti, e tante volte anche molti castelli in aria... Nel tempo libero mi diverto a scrivere le fiabe che trovate qui su fabulinis così poi Silvia ha qualcosa da leggere 😉

Se vuoi contattarci per qualsiasi motivo, scrivi una mail a: info@fabulinis.com


Continua il tuo viaggio tra le fiabe 🏰

qui sotto te ne suggeriamo alcune che sicuramente ti piaceranno! ❤


Facciamo Amicizia sui Social 🤗

Su facebook abbiamo creato il gruppo fabulinis - gruppo the 🍵 e caffè ☕, dove ci scambiamo consigli ed esperienze su libri, favole e tutto ciò che può far crescere bene i nostri bimbi! Vieni a trovarci, noi aspettiamo anche te! (link)

entra nel gruppo facebook di fabulinis

Se invece vuoi rimanere in contatto con noi e con le nostre iniziative, metti un like 👍 sulla pagina ufficiale di facebook

metti like alla pagina facebook di fabulinis!

Su instagram condividiamo immagini, frasi e pensieri che fanno riflettere, non le troverai qui sul sito, e ci piacerebbe sapere cosa ne pensi 😊 per mettere "mi piace" segui questo link!

segui fabulinis anche su instagram

🐸
"Ancora una!"

ancora una

l'ebook illustrato di fabulinis

Abbiamo raccolto alcune delle più belle fiabe raccontate qui su fabulinis e ne abbiamo fatto un ebook illustrato, così potrai portare sempre con te una fiba da leggere ai tuoi piccoli. Raccontare una fiaba ad un bambino vuol dire regalargli un momento di magia, e la vivrà anche chi gliela racconta o la ascolta insieme a lui. Vuol dire coltivare la fantasia e l’immaginazione di tutta la famiglia, costruendo un rapporto meraviglioso e insostituibile. Inizia subito a vivere questi bei momenti, entra a far parte del nostro gruppo su facebook, fabulinis - gruppo the 🍵 e caffè ☕, e scarica l'estratto con due fiabe illustrate!

Oppure compra l'intera raccolta direttamente su Amazon!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share