la cicala e la formica

La cicala e la formica 🐜


La cicala e la formica è una favola famosissima, scritta da Esopo e arrivata a noi grazie a Jean de La Fontaine. La morale della favola insegna che se si vuole essere al sicuro nei momenti difficili, è necessario prima impegnarsi. Noi di fabulinis abbiamo preparato la nostra versione, e ci piace anche citare Gianni Rodari, quando scrive:

Chiedo scusa alla favola antica
se non mi piace l’avara formica
io sto dalla parte della cicala
che il più bel canto non vende…
regala!

Ascoltala raccontata da Silvia 👩, oppure leggila tu poco più sotto 👇

La cicala e la formica 🐜

C’era una volta un’estate calda calda, e una cicala a cui non piaceva né sudare né far fatica. L’unica cosa che le piaceva fare era cantare tutto il giorno.

Sotto il ramo dell’albero dove stava sdraiata comoda la cicala, passava avanti e indietro una formica, tutta indaffarata a portare sulla sua schiena un sacco di cose: pezzetti di cibo, sassolini, legnetti ecc.
La cicala, vedendo quanto era sudata la formica, iniziò a prenderla in giro:
– Vieni quassù con me, signora formica. Fa più fresco e, mentre ti riposi, cantiamo insieme qualche canzone – e, così dicendo, iniziò a cantare.

– Grazie mille per l’invito, signora cicala, ma io sono molto indaffarata a mettere via provviste per l’inverno e a sistemare la mia casetta per proteggermi dal freddo, quando arriverà – e, così dicendo, continuò ad andare avanti e indietro per il prato, indaffarata.
– Ma l’estate è ancora lunga – continuò la cicala – e l’inverno ancora lontano. Non preoccuparti adesso, ci sarà tempo più avanti per mettere via le provviste!

La formica scosse un po’ la testa e continuò imperterrita il suo lavoro, senza più badare alla cicala.
– Fai come vuoi, formica mia. Io intanto mi godo questa meravigliosa giornata standomene qui rilassata a riposare – e la cicala riprese a cantare un’altra canzone.

Ma i giorni e poi i mesi passarono veloci, ed ecco che, puntuale, arrivò l’inverno, col suo freddo e col suo ghiaccio.
La cicala vagava per i campi e i prati arrabattandosi come poteva, recuperando qua e là qualcosa da mangiare e riparandosi dal freddo dove capitava.

Vagando vagando, una sera in cui il buio era sceso molto presto, incontrò una piccola casetta con la finestrella illuminata. La cicala aveva tanta fame e tanto freddo, così bussò alla porta.
La porta si aprì ed uscì la formica. Quella era la sua casetta costruita con fatica durante tutta l’estate, dall’interno si sentiva arrivare un bel calduccio e un odorino di cibo molto invitante.

– Buonasera signora cicala, cosa ti porta qui da me?
– Buonasera signora formica – rispose tutta infreddolita la cicala, tremando nel leggero cappottino che aveva addosso. – Ho freddo, ho fame e non ho un tetto dove passare la notte.

La formica guardò la cicala con compassione.
– Ah signora cicala, come ricordo bene le calde giornate d’estate in cui, mentre io faticavo per metter via provviste e costruirmi una casa, tu, beata sul tuo ramo al fresco e all’ombra, cantavi cantavi e cantavi… Beh, facciamo così: entra, per questa volta ti aiuterò e ti darò da mangiare e un letto per dormire. Tu però prometti che la prossima estate mi aiuterai a far provviste.

La cicala, imparata la lezione, promise che avrebbe fatto la brava e ringraziò di cuore la formica per l’aiuto.

Morale: chi non fa nulla, non ottiene niente, è per questo che bisogna impegnarsi.

— Fine della fiaba —
Copyright e Testi © Silvia e William – fabulinis.com

Su Amazon abbiamo trovato anche questi altri prodotti molto carini:


fabulinis ha pubblicato “Ancora una: Perché fiabe e racconti felici non bastano mai”, la raccolta delle sue fiabe originali illustrate. Se vuoi leggere tutti i racconti contenuti nell’e-book lo puoi acquistare, prendendolo su amazon attraverso questo link

Ti è piaciuta questa fiaba? Condividila sul tuo social preferito, aiutaci a far crescere questo piccolo laboratorio di idee!

Share

4 comments

Celestino Montagano

Desidero sapere, per piacere chi è l’autore di ques ta bellissima poesia che io ho appreso dalla mia cara mamma, che lei aveva fatto solo la terza elementare si diceva allora. avevo circa 7 o 8 anni quando lo fatta mia, ora sono una persona di quasi 82 anni [8-7-1936] non ho mai potuto appurare l’autore, rita cosi’ : Lacicala sulla pianta, tutto il giorno canta, canta, e disprezza la formica che lavora e si affatica. Ma l’inverno presto viene, muor di fame chi canto’ e sorride e vive bene chi, d’estate l’avoro’ Amen ! Celestino ripese Montagano cmripa36gmail.com Grazie molto,

P.S.
Prima di trappassare, per un posto migliore sapro’ l’autore ? Non è Lafontain nè tantomeno Esopo chi sarà ? Vi ringrazio mille volte se mi trasmettete l’autore grazie ancora come si diceva ai miei tempi Celestino

Buongiorno Celestino, abbiamo cercato l’autore ma non lo troviamo, però abbiamo trovato questa poesia in una raccolta che si intitola “I nonni raccontano”. Pensiamo quindi che sia di tradizione popolare e tramandata a voce di generazione in generazione. Ci dispiace non poterla aiutare di più e vogliamo ringraziarla per avercela fatta conoscere! A presto, Silvia e William

La favola è di Esopo

Sì, la versione originale è attribuita a lui, poi ci sono tutti i passaggi che attraverso Fedro e La Fontaine l’hanno portata fino a noi, per fortuna! 🙂

Lascia un commento